Manuali

Contadini e agricoltori

Contadini e agricoltori
Il mestiere del contadino, e dell’agricoltore in generale, può sembrare privo di attrattiva ad una prima occhiata; invece è uno dei mestieri più difficili (e costosi) dell’intero The Gate!
Nulla è più complesso di conoscere il momento giusto per la semina, ed indovinare il momento migliore per piantare le proprie piante e sapere quando aspettarsi il primo raccolto.
Se considerate poi che le piante più pregiate hanno un elevato costo vi renderete presto conto che un agricoltore esperto ha potenzialmente molte frecce al proprio arco.

I prodotti che si ottengono dai campi sono utilizzati prevalentemente in ambito culinario, ma molti prodotti sono indispensabili anche per altri artigiani; in particolare gli erboristi sono sempre alla ricerca dei prodotti della terra per poter realizzare profumi, cosmetici o altri unguenti.

Si mormora esista qualche trattato sull’agricoltura, gelosamente custodito, ma il modo migliore per imparare quest’arte è la sperimentazione.

Gli agricoltori non possono svolgere la propria arte ovunque, ma solo su terreni particolari che dovranno farsi preparare appositamente da un architetto.
Nelle varie città sono disponibili molti mob che vendono le sementi o le piante giovani di svariate tipologie. Alcune piante sono tipiche di alcune zone, e pertanto sono disponibili esclusivamente presso certi mob mercanti.

Una volta comprate le sementi o le piante il novello agricoltore ha a disposizione il comando “pianta”.

PIANTA fornisce la lista di tutte le varietà di piante che si possono piantare.

PIANTA [oggetto] o PIANTA [numero] permette di piantare le sementi o le piante giovani in proprio possesso.

Fondamentalmente il mestiere del contadino non ha altri comandi, ma piantare una semente “difficile” è davvero un’attività complessa: la percentuale di fallimento può apparire molto superiore a quella di altri mestieri.
Inoltre, come già ricordato, è fondamentale anche il momento in cui si pianta; piantare in un mese rispetto ad un altro può fare la differenza tra un ricco raccolto in futuro o un pungo di piante secche inutilizzabile.

Uno dei pregi dell’agricoltura è che, se fatto nel momento giusto, molte sementi si moltiplicano dando possibilità all’agricoltore di piantarle nuovamente senza doverle comprare. Questo è particolarmente vero con i semi, mentre per le piante non è necessariamente vero.

Si tenga presente che una volta piantato un albero questo non diventa produttivo al periodo di raccolto successivo: ha infatti biosgno di crescere e diventare una pianta adulta prima di mettere frutto. Questo significa che per le piante ci possono volere anni di gioco prima di ottenere i primi prodotti.

il Raccolto
Molte piante normalmente, quando giunge il momento, lasciano cadere a terra il proprio frutto, il contadino non deve far altro che raccoglierlo da terra. Rientrano in questa categoria meli, viti, aranci e molti altri alberi.

Altre piante, tipicamente gli ortaggi, necessitano invece di essere splicitamente raccolte perché forniscano i loro prodotti. Per questo è disponibili il comando “raccogli”

RACCOGLI fornisce la lista delle cose che si possono raccogliere dall’orto.

RACCOGLI [oggetto] o RACCOGLI [numero] permette di raccogliere ciò che si desidera.

Si faccia attenzione al fatto che il comando raccogli non va usato in modo indiscriminato. Ogni pianta ha il suo momento specifico dove è possibile raccoglierla, se il comando viene fatto nel momento sbagliato si rovinerà irrimediabilmente il raccolto.