Città e insediamenti

BuubGund


Bulle sponde di una remota ed isolata scogliera, nell’estremo est dell’isola di Rasserim, v’è un isolato ed alquanto primitivo accampamento orchesco. Gli orchi del clan dell’Orda Selvaggia, il temibile clan del serpente a tre teste, li chiamano i reietti, e non a caso in orchesco il nome di quest’accampamento è BuubGund, le “Rocce dei maiali”.

L’accampamento è essenziale: formato da una palizzata rettangolare di tronchi sapientemente piantati nella roccia della scogliera. Al suo interno nasconde una caletta naturale che sfocia sul mare orientale. L’accampamento, cammuffato dall’orogenesi delle scogliere, e protetto dalla brezza marina che ne confonde le traccie olfattive, è ben nascosto agli occhi dei più.

Non si tratta di una fortezza o di una roccaforte come la tetra ZaghBurz, ma un semplice campo semi permanente, privo di fortificazioni ed armi d’assedio di difesa. L’unica difesa dello stesso, consiste nella via di fuga sul mare e nelle calette poste a nord ed a est che ne permettono agli orchi la risalita sulla scogliera per provare una sortita dalle retrovie.

Il disegno architettonico dell’accampamento è di tipica matrice militare. Strade verticali ed orrizzontali che, intrecciandosi, formano il naturale alloggiamento di tende e tendoni dei componenti del clan.