Razze e Culture

Nani


Nani sono una razza di aspetto simile agli Umani Eliantiriani, ma più bassi (circa un metro e venti, mai più di un metro e quaranta) e incredibilmente robusti, con tratti somatici rozzi e marcati.

I maschi hanno grosse teste, con mento, naso e zigomi in evidenza, portano abitualmente capelli e barbe molto lunghe, hanno ampio torace e corte gambe con grandi piedi. Le femmine sono formose e muscolose quasi quanto i maschi, con pelle un po’ più chiara e lineamenti meno marcati, anche a loro cresce la barba, anche se non ispida come quella dei maschi, e spesso sfoggiano pizzetti o piccoli baffi ben curati.

Il colorito dei Nani è spesso indice del loro modo di vita: quelli che trascorrono molto tempo sottoterra hanno la pelle chiara, con una sfumatura rossastra, mentre i Nani che vivono in superficie si abbronzano rapidamente e presentano una carnagione scura.

Il colore dei capelli varia dal rosso, al nero, al castano. Come per gli Umani, i Nani si incanutiscono col trascorrere del tempo.

Si dice che una folta barba sia il maggior vanto di ogni Nano, sia che la lascino crescere liberamente, sia che la acconcino in trecce o code.

E’ raro incontrare un Nano che non indossi, sopra i caratteristici abiti dai colori sgargianti, almeno una leggera armatura di cuoio. Quando i guerrieri Nani sanno di dover combattere, indossano le pesanti armature interamente in metallo di cui sono i famosi artefici. Quando non indossano l’elmo, portano berretti appuntiti.

La maggioranza dei Nani fa uso di abiti ampi e pratici, e solo i ricchi mercanti o le personalità altolocate fanno sfoggio di fronzoli ed ornamenti elaborati.

Quasi tutti gli esponenti di altre razze che raccontano i loro incontri con i Nani fanno almeno un accenno al loro caratteraccio. Burberi e irascibili, perdono spesso la pazienza e attaccano briga: non è insolito trovare un Nano ubriaco in mezzo ad una rissa in una taverna.

A volte nemmeno il rispetto per i superiori riesce a trattenerli, e le cose vengono rese ancora più difficili dall’orgoglio caratteristico dei Nani, che molto raramente si scusano per le proprie azioni.

Un altro difetto dei Nani su cui tutti concordano è l’avidità, che spesso li porta a scontrarsi o a dare origine a faide per il possesso di gioielli, pietre preziose e ricchezze.

I Nani amano i cibi gustosi ed abbondanti, e i forti liquori. Le riunioni dei Nani sono spesso confusionarie, e di frequente gli estranei le hanno scambiate per banchetti.

Nonostante il loro carattere, molti offrono un boccale ad un Nano incontrato in taverna, per scioglierli la lingua e farsi raccontare una delle storie o dei pettegolezzi per cui questa razza e famosa.

I Nani sono da sempre molto sospettosi con gli esponenti delle altre razze, a cui negano interamente l’accesso alle loro favoleggiate città sotterranee.

Spesso il loro comportamento segue nelle interazioni con l’esterno rigide regole d’etichetta, specialmente quando sono coinvolte personalità importanti.

Tengono molto alla propria genealogia e non mancano mai di esporla quando si presentano.

I Nani sono impavidi e battaglieri, fra i combattenti di ogni razza sostengono che in battaglia un Nano è il compagno migliore da avere al fianco, e il nemico peggiore da affrontare.

I giocatori che interpretano questa razza iniziano dal cerchio presso Bran Ator